Robotica - Blog LifeAdnTech

Vai ai contenuti
Robotica educativa, applicata alla disabilità
La robotica educativa è un approccio semplice e pratico alla robotica, al funzionamento dei robot, alla programmazione informatica e all’apprendimento di materie tecniche come la scienza e la matematica. È un metodo divertente che utilizza i robot per stimolare la curiosità e l’uso della logica nei bambini e nei ragazzi. Così imparano a risolvere piccoli problemi di difficoltà crescente mentre si divertono. La robotica educativa sostituisce le lezioni noiose con esercizi pratici e divertenti che si fanno con i robot.
Cosa non è la robotica educativa
Per spiegare cos’è la robotica educativa dobbiamo prima dire cosa in realtà non è. Non vogliamo confondervi ma il passaggio è essenziale. La robotica educativa non è l’insegnamento della robotica, non è l’insegnamento della programmazione applicata ai robot, così come non è lo studio di come funziona un androide. O perlomeno non è solo questo. È molto di più: è l’utilizzo dei robot per rendere più efficace l’apprendimento nei bambini e nei ragazzi di tutte le età. L’apprendimento di cosa? Vi starete chiedendo. E avete ragione. Andiamo al dunque.
Robotica educatica, cos’è e come funziona
La robotica educativa è un approccio nuovo all’insegnamento, un metodo che utilizza i robot. Insegnamento di cosa? Prima di tutto delle materie STEM. Si tratta di un acronimo che in inglese sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics. La traduzione come vedete è semplice anche per chi di inglese mastica poco. La robotica educativa va dunque oltre la stessa robotica, facilita il compito degli insegnanti perché sostituisce a lezioni talvolta noiose la pratica, è percepita come attività divertente se non addirittura come un gioco. E facilita la socializzazione tra studenti, migliorando anche il rapporto e lo scambio tra i ragazzi e i docenti.
In particolare, l’impiego dei robot nella didattica offre particolari vantaggi: l’utente apprende più rapidamente e facilmente se hanno a che fare con oggetti concreti ed i robot sono oggetti reali, tridimensionali, che si muovono nello spazio e nel tempo, in grado di riprodurre vari aspetti del comportamento umano o animale. Inoltre la motivazione a far funzionare la macchina intelligente funge da stimolo per l’apprendimento. Lo scopo del progetto non è insegnare la robotica ma insegnare attraverso l’uso della robotica, ovvero si vuole proporre una metodologia per facilitare gli apprendimenti e migliorare le relazioni all’interno di un gruppo mediante un approccio calibrato sulle differenti persone che apprendono. Il progetto si propone, attraverso la robotica educativa di approcciare sui bambini a rischio evolutivo e sociale, costruendo delle strategie, soprattutto nell’istruzione della scuola dell’infanzia e primaria, incoraggia la disposizione e la motivazione del bambino ad apprendere (apprendere ad apprendere) la fiducia in se stesso e negli altri, e lo sviluppo cognitivo e linguistico. Potenziare la formazione degli insegnanti, personale educativo, genitori, e tutti coloro che seguono il bambino.
Tecnologie Assistive e Robotica Educativa
Le tecnologie assistive e la robotica educativa possono, se impegnata in modo attento e consapevole, contribuire a promuovere l’apprendimento e le abilità relazionali di alunni con bisogni speciali; agendo da strumenti facilitatori dei processi di apprendimento, favoriscono la gestione autonoma delle attività, il lavoro di gruppo permettono ad ognuno di esprimere competenze e creatività.
Formazione Docenti e Operatori
• Acquisire elementi utili per l’efettivo impiego della robotica educativa per la programmazione didattica nella scuola
• Raforzare le competenze di progettazione di attività formative con la robotica educativa
• Produrre unità di lavoro utilizzabili nella scuola
LifeAndTech
Sede Legale: Via Creta 2 - Latina  (LT)
Cell. 33997720746 - info@blogassistivetechnologies.eu
Studio "Ortopedia Primo Cecilia"
Sedi: 2 sedi Roma - 5 sedi Rieti - 1 sede Bastia Umbra  
1 sede Modena - 1 sede Viterbo
Torna ai contenuti